La Città Fortezza

S e la Città Alta e la Città Bassa possono essere considerate il cuore antico e moderno di Bergamo, la Città Fortezza rappresenta il simbolo di potere e difesa della città stessa.

I colli su cui si sviluppò Bergamo hanno da sempre rivestito una notevole importanza strategico-militare specialmente perché crocevia tra la parte orientale della pianura padana e l'Europa centrale.

La costruzione della rocca, che è la massima rappresentazione della Città Fortezza, iniziò nel 1331, sul colle di Sant'Eufemia, fu proseguita e ultimata dai Visconti quando succedettero a Guglielmo di Castelbarco vicario di Giovanni del Lussemburgo nel dominio su Bergamo. I Visconti fortificarono ulteriormente la Rocca consapevoli della sua importanza strategica nello scacchiere militare che li vedeva contrapposti a Venezia.

Per aumentarne la funzione difensiva costruirono sul colle San Giovanni un nuovo complesso militare, la Cittadella, secondo un progetto difensivo che vedeva le due opere integrate nella stessa funzione e racchiudeva la città vecchia in un recinto fortificato. La Cittadella era un'opera imponente e molto vasta, comprendeva oltre la parte costruita sul colle San Giovanni, ancora agibile, anche l'area più a ovest ora occupata dal seminario vescovile.

Venezia, nel 1428, succedette ai Visconti nel dominio su Bergamo e procedette ad ampliare il sistema difensivo di cui era dotata la città. Potenziò la Rocca aggiungendovi il torrione, tuttora esistente, e ne completò la funzione difensiva con la costruzione di una cintura di bastioni, comunemente noti come mura venete, lunga 6200 metri, che circondava la città alta trasformandola in una fortezza. Tale cinta è costituita da 14 baluardi, 2 piattaforme, 32 garitte (di cui solo una è giunta sino a noi), 100 aperture per bocche da fuoco, due polveriere, 4 porte (Sant'Agostino, San Giacomo, indubbiamente la più bella e panoramica, Sant'Alessandro e San Lorenzo, quest'ultima conosciuta anche come porta Garibaldi).

Il sistema difensivo della Città Fortezza era completato delle cosiddette Muraine, le mura quattrocentesche, costruite sempre per volere delle Serenissima Repubblica Veneta, che scendendo dai colli dove si trova la città vecchia con ampio percorso difendevano i borghi che si erano sviluppati nel corso dei secoli lungo le direttrici che collegavano Bergamo ai paesi e alle città vicine. Queste svolgevano anche la funzione di confine daziario e seguivano gran parte del percorso cittadino della Roggia Serio Grande (l'antico Fossatum Comunis Pergami) che fungeva quindi da fossato lungo le odierne vie Camozzi, Tiraboschi e Zambonate. Le Muraine furono completamente abbattute nel 1901 in seguito alla soppressione del dazio: di esse rimangono poche tracce come il tratto di mura con merlature e feritoie originali in via Lapacano e la torre circolare detta del Galgario.

| |

BergamoItaliaEuropavacanzecittàtutti

Ti potrebe anche interessare

Il Palio di Siena

NotOnlyTrips

Il Palio di Siena è uno degli eventi più famosi d’Italia. Si tratta di una giostra equestre che affonda le proprie radici nel Medioevo. Prende il nome dal premio che...

al mare con i cinghiali

NotOnlyTrips

Situate a sud della città di Grosseto a pochi chilometri dal paese di Alberese, si trovano la magnifiche spiagge del Parco Naturale della Maremma, collocate all’interno dell’omonimo parco. Tra le...

Bormio e l'Alta Valtellina

NotOnlyTrips

Livigno, Bormio, Santa Caterina Valfurva, Valdidentro, bastano pochi nomi per intuire che questa zona rappresenta l’area turistica più nota e frequentata della Valtellina. Nomi noti a livello internazionale che offrono...