L'arcipelago di Bocas del Toro L'arcipelago di Bocas del Toro L'arcipelago di Bocas del Toro L'arcipelago di Bocas del Toro L'arcipelago di Bocas del Toro

L'arcipelago di Bocas del Toro

Viaggiatori

Un altro luogo da sogno per una vacanza indimenticabile in pieno centro America è senza dubbio l’arcipelago di Bocas del Toro. A soli 32 Km dal confine con la Costa Rica (paese stupendo di cui vogliamo parlarvi presto) consiste in 9 meravigliose isole di cui alcune inabitate e più di duecento isolotti. Le isole sono ricoperte di una vegetazione rigogliosa che si apre su splendide spiagge bagnate da acque turchesi al cui interno regna una maestosa vita marina.

Tre sono le isole abitate:

Isla Colon la più grande e sviluppata isola dell’arcipelago in cui attraccano le lance provenienti dalla terraferma e da dove partono gli aerei per altre destinazioni. E’ nel pieno dello sviluppo, è la più caotica delle tre e per me la meno interessante. Vi consigliamo comunque di passarci una notte se volete far serata siccome dal punto di vista del divertimento è la più viva. Gli unici sportelli bancomat si trovano qui.

Isla Bastimento: a soli dieci minuti di barca da Colon, Bastimento è senza dubbio un altro mondo. Ancora selvaggia e poco sviluppata è per lo più ricoperta di foresta e mangrovie. Due sono i paesini Quebrada Sal e Old Bank entrambi piccoli con qualche negozietto, una scuola elementare e poco più. E’ un parco marino in cui gli abitanti parlano ancora la lingua locale il gali gali. Se pernottate qui vi consigliamo la Pension Tio Tom gestita da una signora tedesca offre camere pulite ed elementari ma molto confortevoli. Chiedete di poter stare su quella esterna che dà sul pontile, avrete per pochi soldi la vostra amaca su cui sdraiarvi e contemplare l’arcipelago.

Isla Carenero: a pochi metri da Colon ma raggiungibile solo in barca è un vero paradiso di quiete e pace. Sull’estremità dell’isola che guarda verso Bocas (la città principale di Colon) vi consigliamo di godervi il tramonto sorseggiando il vostro cocktail presso l’ostello dell’isola.

A Bocas del Toro l’unico modo per potersi spostare da un’isola all’altra (le macchine si trovano solo su Colon) è tramite i taxi boat piccole lance da massimo una decina di persone che per un dollaro a corsa ti portano da un’isola all’altra. Per arrivare a Bocas via terra occorre prendere un water taxi da Changuinola al confine col Costa Rica, gli water taxi partono regolarmente varie volte al giorno per un percorso della durata di circa 45 minuti che attraversa un suggestivo canale. Via aerea è invece possibile raggiungere Bocas direttamente dall’areoporto di Bocas del Toro tramite Air Panama.

L’attività più gettonata a Bocas è il relax sulle splendide spiagge o lo snorkeling alla barriera corallina. Vi consigliamo di prendere parte ad una gita organizzata dai taxi boat oppure di progettarvi la vostra gita in autonomia, comunque a fine giornata ne sarete soddisfatti!

Le spiagge che a noi sono piaciute di più sono state:

– Bocas de Drago all’estremità occidentale di Colon dove poter fare snorkeling e rilassarsi;

– Wizard Beach con la sua sabbia bianchissima a Bastimento;

– Playa Rana Roja che deve il suo nome alle piccole rane rosse che popolano la foresta retrostante;

– Cayo Coral che deve il suo nome ai coralli che popolano le sue acque oltre a pesci tropicali di ogni genere.

Leggi anche i nostri Racconti

"San Blas"

"Visitare Panama in barca a vela"

| |
Prev post

Visitare Panama in barca a vela

Next post

Il sapore del cioccolato

Bocas del Toro, Bastimento, Carenero, ColonPanamaAmericherelaxmarecoppiegaygiovanisingle

Ti potrebbe anche interessare

Diario di un viaggio che ho sempre sognato: Tibet

dal 25/06/2010 al 04/07/2010 | Palmy

Il viaggio comincia da Pechino con trasferimento a Xining in aereo e da lì prendiamo il treno per Lhasa (durata del tragitto 24 ore). Le cuccette sono composte da 4...

  • 0
  • 38

Dove nascono gli Alisei

Tropico Utopico

Lo ammetto: ho sempre cercato una scusa per visitare gli altri arcipelaghi del sud Pacifico e non Tonga (the Friendly Islands - le isole dell'amicizia come le chiamava James Cook...

  • 0
  • 12

Safari al Kruger National Park

Viaggiatori

In gergo tecnico lui è lo scopri orme. Chiudo gli occhi e lo vedo ancora là appollaiato sul cofano della 4x4 da 11 posti. Eretto, attento, vigile. Segue...

  • 0
  • 28

 

Commenti

 

Nessun commento presente


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Per lasciare un commento devi esser registrato (login o registrazione)